giovedì, febbraio 14, 2008

Posso scrivere i versi. (Pablo Neruda)



Posso scrivere i versi più tristi questa notte.

Scrivere, ad esempio:”La notte è stellata,

e tremolano, azzurri, gli astri, in lontananza.”

Il vento della notte gira nel cielo e canta.

Posso scrivere i versi più tristi questa notte.

Io l’amai. E a volte anche lei mi amò.

Nelle notti come questa la tenni tra le mie braccia.

La baciai tante volte sotto il cielo infinito.

Lei mi amò, a volte anch’ io l’amavo.

Come non amare i suoi grandi occhi fissi.

Posso scrivere i versi più tristi questa notte.

Pensare che non l’ho. Sentire che l’ho perduta.

Udire la notte immensa, più immensa senza lei.

E il verso cade sull’anima come sull’erba la rugiada.

Che importa che, il mio amore non potesse conservarla.

La notte è stellata e lei non è con me.

E’ tutto. In lontananza qualcuno canta. In lontananza.

La mia anima non si accontenta di averla perduta.

Come per avvicinarla il mio sguardo la cerca.

Il mio cuore la cerca, e lei non è con me.

La stessa notte che fa biancheggiare gli stessi alberi.

Noi, quelli di allora, più non siamo gli stessi.

Più non l’amo, è certo, ma quanto l’amai.

La mia voce cercava il vento per toccare il suo udito.

D’altro. Sarà d’altro. Come prima dei miei baci.

La sua voce, il suo corpo chiaro. I suoi occhi infiniti.

Più non l’amo, è certo, ma forse l’amo.

Così breve l’amore, ed è sì lungo l’oblio.

Perche in notti come questa la tenni tra le mie braccia,

la mia anima non si rassegna ad averla perduta.

Benché questo sia l’ultimo dolore che lei mi causa,

e questi siano gli ultimi versi che io scrivo.

Nessun commento: